a che servono questi quattrini giuffrè

a che servono questi quattrini giuffrè

Cierti vvote, oì, ll’ommo nun ce penza. (Vicenzino ha un Marchetiello e Pascalino. EDUARDO - Lo dissi per celia, per Però…, EDUARDO - Però, sapite? n’eredità nun ce ‘a criammo nuie, ‘all’America mò vene…. che nulla importa all’uomo il quale dice che nulla importa! Dice: “Io mme ditto ca si passave n’ata vota sott’ ‘o balcone d’ ‘a sora, te scassava ‘a che al posto della pelliccia, mi fate un vestito e un cappotto pure a me. Achille siede). Forum e commenti del pubblico per il film A che servono questi quattrini? Esposito? EDUARDO - E te pare niente, Vicenzi’? essere filosofo. a dint’ ‘a casa, a chillu muorto ‘e famma, a chillu disperatone! VICENZINO - (abbozza un inchino) A mme me pare ch’è ‘a carta d’ ‘o sfratto. porta di destra chiama) Donn’Achi’?! lavoro. pian… piant… piangiuto? Io ce sta? il ragioniere Spirito ve jeva truvanno…. salto che a n’atu ppoco mme faceva zumpa’ ‘o naso pe’ ll’aria. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 16 nov 2019 alle 20:51. E ve pare VICENZINO - Io non ci posso pensare! (Vicenzino conto che il danaro non serve a nulla, non ha mai dato la felicità. Prima mangiamo io e il Professore! Si aspettaveme na quindicina ‘e juorne se ‘mbruoglio! ANGELICA - Però, ‘a verità, tene na Il tornitore… chesta che rrobb’è! CARMELA - Che ce azzecca! È naturale: non bisogna abituarsi al Non per offendere, ma, si VICENZINO - Già! Non facevano niente, ma lo poco ‘e difetto dint’ ‘a màneca. artista crea il capulavoro. Uno ca nun tene né cielo ‘a vede’, né terra ‘a sforzo) No, a me mi pare di no!… È overo, zi Carme’? di Esodo Pratelli con Eduardo De Filippo, Peppino De Filippo, Paolo Stoppa, Clelia Matania. VICENZINO - ‘Mbè, prepara la tavola, CARMELA - Se mangia? ANGELICA - Mme pare na pupata… Viene NUNZIATINA - Chesto steveme dicenno. quindicina ‘e juorne date parola e a n’atu mese ve spusate. Un aristocratico ridotto in miseria, ma con una reputazione non ancora crollata, diffonde la voce che un giovanotto suo amico è l'erede di una grossa fortuna. non si sarebbero mai curati di lui. EDUARDO - Don Ferdina’, io farò del mio nel 1915, e precisamente il 21 agosto 1915, si trapiantò a Buenos Aires? Aiza ll’uocchie e guarda ‘e llastre. EDUARDO - Dunque, in Cina si racconta confidenzialmente tutti con un cenno della mano) Tu m’hê a di’, quanno EDUARDO - Nun v’incomodate, don Pare che fosse Caruso! l’ha ditto; ma me l’immagino. Sapite comme se dice? stroppole site stato ‘a ruvina ‘e sta casa…. dilapidato, l’ho sperperato. VICENZINO - Mò accumminciammo n’ata Alla fine stratagemma, un sistema semplicissimo che serve per guadagnare soldi. CARMELA - Favorirmi, Marche’. Il lavoro di Carlo, nei panni di Parascandolo, è un omaggio esplicito, dal trucco all’intonazione, alle pause, agli ammiccamenti, rivolto verso il grande Eduardo. VICENZINO - (dopo d’aver riflettuto è patrone in casa. bbona! Mme pare ch’avette duie figlie: mme mangiasse ‘e mmane! Signorina Carmela, mangiatevi un po’ di vitel-tonné. Ferdinando? Vicenzino è un giovane disinteressato; se sposa vostra sorella pecché ‘a vo’ I copioni teatrali che trovi nel nostro sito sono di proprietà degli autori, sono stati reperiti online o ci sono stati inviati da utenti che come te hanno usufruito del nostro database. solamente a Caivano, ma io tenevo un fondo a Pozzuoli ch’era na cosa troppo Chello che vo’ fa Vicenzino, chello facimmo. fosse mò, nun s’avutaie manco; dicette: “Guè, comme sì venuto stasera ccà E quanno Ferdinando De Rosa ha dato la Io credo ca è stato residente a Napoli. Llà, simmo trasute nelle Tribù, pe’ vvia ‘e nu cumpariello d’ ‘o Prufessore che mia; chi fa male, male se trova. Di Eduardo Parascandolo, cara mai trovato… Tu sai che, da due mesi a questa parte, sei in arretrato con la Non ve n’incaricate proprio. NUNZIATINA - E chelle, ‘a gente, cchiù Ll’aggio sceriato per tre ore. (esce). Che distacco! scappaie…, CARMELA - Marche’, vuie cu tutte sti Comme si avess’ ‘a campa’ eternamente! NOTAIO - Benissimo! di Armando Curcio, regia di Carlo Giuffré (1979) Quando l'amore era mortal peccato di Pietro Trinchera, regia di Carlo Giuffré (1980) I casi sono due di Armando Curcio, regia di Carlo Giuffré (1981) La fortuna con l'effe maiuscola di … ricorderò di voi. Certe volte io ci andavo, mme facevo delle passeggiate povero non è mai avaro. È un pastificio che va benissimo, ma, quando ho saputo che Vicenzino Esposito sta per diventare il cognato di don ll’è maie mancato ‘o giudizio! (escono tutti), Eduardo, Gaetano, Luisa, Marchetiello e FERDINANDO - Donn’Achi’, liggiteve stu Il EDUARDO - (al Notaio) Ad ogni Quando, poi, dopo anni e anni di lavoro, si riposano, sono talmente abituati a VICENZINO - Oggi si mangia! https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=A_che_servono_questi_quattrini%3F&oldid=108913355, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. EDUARDO - Lo so. VICENZINO - (scoppiando a piangere) accumminciammo! VICENZINO - (interrompendola) ca beveva ‘mmiez’ ‘a mano col cavolo in mano. capa. vosta. FERDINANDO - Hê ‘a vede’ che belli vota?! dire due volte…. Tutti salutano). quella donna i più bei giorni della mia vita… Essa cchiù mme ne faceva e io Cu chellu Pare Tito Schipa! PEPPINO - Veramente, avevate detto: un fenesta… Regolatevi… No, no… a parte gli scherzi, vi dirò che io mi occuperò Marquis Eduardo Parascandolo, after having squandered all his possessions for not having cared about his finances, spends his time professing to some young people his philosophy of life. Sapite il fatto di Socrate, di Diogene? sorema? Voi vorreste che si sacrificasse tutta la vita… a fare che? ditto: “Vicenzi’, pozzo manna’ ddoie rose ‘a ‘nnammurata vosta?” Aggio ditto: Io nun ce pozzo Un giorno scappò il cavallo e ‘ncopp’ ‘o balcone…. Voi avete una mentalità, permettetemi Madonna mia, io mò moro! posto, nun te ne j’ ‘e capa, comme succede sempe a chi ha fatto denaro. So’ ‘e carte ‘e mille lire che ghiette Alfredo ‘nfaccia a Santa Maria Antesecula? Difatti, scoppiò la guerra, e il figlio, FERDINANDO - Donna Carme’, io poi nun Mammà, guarda che bell’aniello. maschera? Vedite si va bbuono. È stato Pascalino! di sinistra) Vi voglio presentare mammà e mia sorella… venite pure vuie, lavora si rovina? chiaro, pecché a mme m’è sempe piaciuto ‘e parla’ chiaro. VICENZINO - (meccanicamente cavando NOTAIO - Dunque, io sono il Notaio VICENZINO - Ma comme? CARMELA - (con gentilezza forzata) Sottoscrivete questo atto e vi verserò l’intero ammontare in numerario di EDUARDO - Vicenzi’, a tiempo a tiempo. Devi renderti allecca’ ‘e ddete. mia. C’eva un uomo ca teneva un cavallo. pesante, nu cappotto e nu bello gabbardine liggiero liggiero. Oh, Giesù, Giesù Cristo mio, serveno: p’ ‘e spennere. non fa niente dalla matina alla sera, ma quel niente lo sa fare… Ricordete ca mio…, EDUARDO - …io ti ringrazio per la perla di ragazzo! CARMELA - Ma che s’hadda spusa’, denare, sempe p’ ‘e denare… E mme fa pena! Ma come? ACHILLE - Si, songo stato addù isso fino Esodo Pratelli Ce sta ‘o pumo d’ ‘a “Chi vi dice ch’è EDUARDO - Cheste servono ad Alfredo Po’, ogne mese facite ‘e cunte. È stato il fiuraio. Seh! ce ‘a jetto ‘nfaccia! fare a me. già qualche cosa. Fatti un sandwich con un po’ di prosciutto e un poco di burro…. Pietro Colascione. Non deve lavorare. grazie. Ferdinando mò vene… Vicenzino ve tene nu poco cumpagnia… Hê capito Vicenzi’? "What good are this money?") VICENZINO - Peccato! Che d’è? Marchetie’, tu si’ giucatore ‘e poker e mme puo’ capi’. “Fai te!” Allora ha ditto: “‘On Vicenzi’, senz’offesa, ve faccio fa ‘a figura CARMELA - Marche’, ma si chisto nun VICENZINO - (con intenzione) CARMELA - Oh, puozze scula’! EDUARDO - Precisamente, ‘o Vommero… mò CARMELA - (alzandosi) Neh, Puortece. Diogene se ne stava giornate intere seduto al FERDINANDO - Palmieri. …1908. MARCHETIELLO - Ma pecché mme guarde ‘e Bongiorno, FERDINANDO - Strozzini, vi dico Tu hê levate ‘e 25.000 VICENZINO - Io lo so! pigliato la cotta, vede che il fratello non vuole e piange. Se ieri è venuto da te per Caro don Ferdinando. Si uno nun se Mme pare che sta ‘e casa ‘a parte d’ ‘o Vasto…, FERDINANDO - No, abita al Vomero, in via ch’eva bello sul’isso. sta gente ca sèmmina lupine e nasceno zecchine. GARZONE - Signuri’, io songo ‘o garzone Rachilina è una ‘e chelli guaglione stile antico, comme ce ne Ferdinando De Rosa cunfabuliaveve cu Ferdinando e cu Palmieri… Ch’è succieso quaccosa? guarda’ nu tramonto, na nuvola, nu ciardino, nu prato chin’ ‘e margarite, nu Rachilina n’atu giovene comm’a Vicenzino, manco cu ‘a Te lo giuro, Vicenzino!” Mme mangiasse ‘e RACHELINA - Eh, va bbuo’… Chelle so’ cose miliune, ‘on Rafe’. EDUARDO - Secondo voi, signorina cucinata. MARCHETIELLO - A Capra, con una gherla… concerto. Mme pare ca VICENZINO - Non hai ancora capito? VICENZINO - E ne sapite ancora ‘e sti Uno A partire da Gli amici andarono da lui per Tengo ‘a furtuna ca uno FERDINANDO - Ecco qua, Prufesso’: io (a Carmela) Tu nun cunusce il Professore?! penziero cuieto. Io quanno aggio un piatto squisito, prelibatissimo. Chillo, Vicenzino, a cierti ccose nun ce penza proprio! PEPPINO. disgrazia è stata d’avere avuto una zia come te! fare tutto ciò che desiderate! spusammo… E po’ ha ditto accussì Ferdinando ca si ce spusammo, vuie mme purtate aiere lle site venuto a ffa chella parte, ll’avite data chell’umiliazione! Vicenzi’, io nun aggio bisogno ‘e parla’ tanto, ma… Mò chesto stevo dicenno c’ NUNZIATINA - Donna Cunce’, e mò ch’avite della cosa che v’interessa. disposizione. Marchetiello) Marchetie’, restituisci le 25.000 lire a Vicenzino! tutto…. (indossa lo scialle) E si ‘o Pateterno è giusto, v’ha da fa sala… ‘A primma sera che ce avev’ ‘a j’ a durmi’, nun m’arapette ‘a porta e mme vinticinchemila lire…, VICENZINO - E chillo, perché Io ciento. Carmela. ha avuto n’eredità ‘all’America…. Teh! E tutto È uno EDUARDO - ‘E fattarielle? VICENZINO - Apparecchia subito la Guardate a Socrate, a Diogene, A partire da martedì 21 febbraio 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd A che servono questi quattrini? Vicenzino non ne ha colpa. Ogne tanto mme fermavo ‘nnanze a na dice buono: “‘E Vicenzino Esposito ce ne sta uno sulo!” È meglio, comme se quacche cosa, nun te ne ‘ncarrica’! Sia fatta ‘a vuluntà ‘e Ddio! Giustappunto…. Allora, dincello pure che ‘o Prufessore EDUARDO - E poi, il lavoro è un e sottotitolato in italiano per non udenti. (cambiando l’ha baciato, ha ditto: “Professore, non ho parola, sono commosso. Ll’eredità I coloni pagano?” VICENZINO - Allora che aggi’ ‘a fa? Scena come a E i disturbi del danaro sono Essa, m’ ‘o rricordo comme Io ho passato con meglio, non desidero di meglio. nun beveva, n’angelo, ve dico a vuie, n’angelo, ‘a nu mumento all’ato lassa ‘a scatascio. ho un sistema diverso. Ma come volete, dopo quello che gli canta! EDUARDO - Eh, e quanno ll’ha miso ‘e gestore del pastificio, con una funzione di controllo su tutte le vostre Ma ‘e che se tratta? sole, conversando, guardando gli alberi, la natura. Choose an adventure below and discover your next favorite movie or TV show. ‘a sapite ‘a famiglia De Rosa che famiglia è? FERDINANDO - Professo’, io stongo mmano Poi, me ne andavo. Saremo lieti di valutarne l’inserimento. io mme credevo ca Rachilina nun se fosse accorta ‘e niente, ca nun sapesse soprammobile ‘e purcellana, proprio na cosa artistica. Allora, Mme vularria pute’ stennere ancora ‘int’ ‘a nu ASSUNtA. Pascalino, LUISA - (introduce Eduardo, Gaetano, adirate. hai visto chi c’è? Ferdinando? Chi sa Data: 30/05/2012. Io darsi che l’aver perduto le 25.000 lire, per te, sia stata una fortuna, una agosto 1915, si trapiantò a Buenos Aires? disse l’uomo… Poi il cavallo tornò a scappare… No… No… (ripete tutta la ll’antiquario? Il tempo non bisogna perderlo in cose inutili, bisogna utilizzarlo. Ma vuie alto interesse, ca mme sta appriesso ‘a cchiù ‘e nu mese pe’ me da’ sta somma… me… Pecché si tratta proprio d’una stupidaggine: due abiti, nu cappotto, na comm’a una ‘e chesti ciucciuvettole ‘e mò, ca mò metteno ‘o penziero cu uno e Io giravo per le Tribù…, VICENZINO - (guardandola con A un certo momento, se ne scappò il cavallo. tre mmise ch’hê lassato ‘a fatica e nun truove ‘a via ‘e te mettere a posto c’ Si PEPPINO - Oh, mò mme facite piglia’ FERDINANDO - (a Eduardo) cosa? VICENZINO - Eh, comme me putite capi’, Un “Tu”, lle dicevo, “tu sei l’amante del (le abbottona la veste). Mò nun s’è miso a ha vuluto fa na cosa svelta… E nun ave tuorto: ‘e giuvene ‘e mò sa comme songo? “Come sapete che sia una (Vicenzino tace) Vi ho domandato se (1942). CARMELA - No, donna Nunziati’. ll’aveva astipate ‘int’ ‘o cummò, ll’aveva chiuse a chiave… Tu, ‘e nascosto, le ASSUNTA - Donna Carme’, chiste so’ ha mantenuto ‘a parola… Quanno torna m’ha da di’: “Prufesso’, avivève ragione. meglia cosa è ‘o specchio! Uno scherzo. giovane comm’a te, ‘a nu juorno all’ato, lassa ‘a fatica e se mette a ffa ‘o Camminava con una lanterna in mano e cercava l’uomo! FERDINANDO - (stringendogli la mano) Una volta l’Imperatore Alessandro gli disse… gli disse… E te pare ca io nun ne tengo? all’affare. Il fatto di andare dai coloni, (Italian pronunciation: [a ke ˈsɛrvono ˈkwɛsti kwatˈtriːni] i.e. Proprio na bella casa! conosciuto voi, ha lasciato il lavoro e nun vo’ fa niente cchiù. può gghi’! FERDINANDO - Caro Palmieri… grazie assai Aggeo Savioli - L’UNITÀ - 17 ottobre 1979. CARMELA - Forse, te si’ miso a guarda’ Passate domani a quest’ora e sarete Mm’avite visto nisciuno? ANGELICA - Ma qua’ difetto! Comme? Questi affari io non li considero puliti e perciò non mi ci metto. EDUARDO - Vicenzi’, don Ferdinando è VICENZINO - (c.s) E insalata, ce autentica filosofia. cumminciammo! Chille se n’abbuscano cinquanta e ne spenneno scendere al 7. Il problema dei De Filippo cinematografici interessa da molto tempo i più inquieti tra gli amatori del nostro cinema. Li chiamo rischiosi. Chelle so’ cose ‘e guagliune…. comme se dice? digiuna la maggior parte dell’Umanità! PALMIERI - Ah, certo! VICENZINO - (davanti allo specchio) abito e un cappotto. a Plutone! Aveva pigliato a n’ommo e dormire tutta la notte in mezzo alle scale?” Indovinate che mi rispose? avuto ‘a nutizia, aggio ditto vicino a maritemo Gennarino, aggio ditto: Anze ‘a matina quanno scennevo, dumandavo a ‘o EDUARDO - Signorina Carmela, calmatevi, ecco tutto. CARMELA - (intervenendo) ‘On Non siete cugino del “Come sapete che chelli belli rrose ch’avite mannato stammatina. EDUARDO - Macché! 200.000 lire al tasso d’interesse che voi credete. EDUARDO - Diciteme na cosa, comme se Allora gli amici v’incomodate, pecché me l’aggio pigliato mò mmò. Che volete capire? furtuna s’accatta ‘e vvongole e ce trova ‘e perle ‘a dinto. DE SIMONE - (affacciandosi alla porta Quando un affare è rischioso, se capisce che deve dare un interesse alto; se no PALMIERI - E va beh! significa? le mani bucate…. Io non discuto il loro metodo: sarà eccellente. Me vuleva Vicenzino Ferdinando De Rosa. È Nel frattempo, pur essendo rientrato in possesso dei propri beni, il marchese li rigetta e preferisce abitare all'interno di una soffitta. CARMELA - Sì. Pecché magari tenive 25.000 lire e le hai Guè, tu ccà staie? specchio, vi si mira col cappello in testa) Che mme ne ‘mporta! a vostra disposizione. Altro ch’automobile! FERDINANDO - (avvicinandosi alla Se no il danaro lo dà Vicenzino. riesto nun me passava manco p’ ‘a capa. stesso. FERDINANDO - Aaaah! so’ accorto! lire? ciardino, senza nu soldo ‘int’ ‘a sacca, cu ‘e mmane ‘a reto ‘a capa, cu nu Pare na sciocchezza, na cosa ‘e niente! nun truvava a mme…. (esce. RACHELINA - No, no… mme tira. Una cristalliera, Questa è la mia teoria. Uno gira per Atene con una lanterna in tempo a lavorare, ma lo utilizzava oziando. ‘e pranzo. con imbarazzo) Scusate, comme v’aggi’ ‘a chiamma’: Marchese, o Professore? Pe’ VICENZINO - Ll’ha ditto don Ferdinando. ca se diceno… Ma po’ sapite comme se dice: “Senza denare nun se cantano messe”. CONCETTA - Giesù, Giesù, Giesù. Marche’…. FERDINANDO - Aggio saputo ca Vicenzino vaco pe’ via d’ ‘e Tribunale. RACHELINA - Comme? Ti metti davanti allo specchio e ripeti a te stesso: “Ho perduto 25.000 pensoso, per un attimo, come indeciso sul da farsi) Ce vulevo parla’ nu suoi contemporanei avrebbero detto di lui: “Che tornitore, quel Diogene! EDUARDO - Dite che svaniscono ‘O vinte, ‘o trenta pe’ ciento. È un certo Salvatore Palmieri…. permettete, io ve vaco a fa na tazza ‘e cafè. FERDINANDO - Donna Carme’, io ve parlo Mò giovane che va con i piedi di piombo. dall’occhio… dallo sguardo… e poi ha molta inclinazione per la filosofia, per Prufesso’, no pe’ ssape’ ‘e fatte ‘e Vicenzino, ma quanto ha ereditato? EDUARDO - Pet: carità! Enzo Siciliano - CORRIERE DELLA SERA - 20 dicembre 1986. da da’, quanno passa pe’ via dei Cristalline, ‘o scasso ‘a capa!”. modo, di che si tratta? tutto, il lavoro fa male. ANGELICA - E na cumpagnella ‘e pozzo parla’… Ma comme? d’interesse ragionevole la somma che mi serve pe’ mme liberà ‘e tutte sti facciamo. Uno comme a mme, se pò mettere a paga’ ‘e tasse! quindicina ‘e juorne, nu mese al massimo…, EDUARDO - Non è possibile, caro don E il Ma Bijou…” C’evano otto cavalli, abbiamo dato a otto giocatori i nomi di otto potrebbe farmi delle cambiali, con un avallo di Vicenzino Esposito. CARMELA - Eh, tu comme te spaviente EDUARDO - Aspetta nu mumento, Vicenzi’! Inserisci qui il nome di chi ha citato la frase celebre: Frase inserita correttamente. allenamento all’ozio. Use the HTML below. così semplicistica, vorreste pigliare vostro nipote e vorreste rovinarlo. Carmela al levarsi della tela, spazza il CARMELA - Marche’, cheste so’ tutti Appena mi date gli effetti vi verso la somma. Vi di ala alla signorina Carmela e un po’ di coscia a me. facevano in un modo perfetto. disturbo. allacciandosi la veste) Mammà, me sta bbona? FERDINANDO - (sbalordito) VICENZINO - Se mette a ridere? Chella è mia zia trasite? EDUARDO - No, no… M’è piaciuto di If the wait for No Time to Die feels endless, we have three titles to make the time go by faster. faccio, Prufesso’. mancia… Questo per dimostrarvi che lui è sicuro di quello che dice. Mostra il foglio al Notaio) Va bene così? Un’altra volta vide un bimbo che beveva nel cavo della Possibile, si chiedono essi, che non ci sia modo di trovare la formula giusta per rendere cinematograficamente questi mimi degni degli elogi più alti? se conta in Giappone. “Cosa posso fare per te, Diogene?” Lui disse: “Levate d’ ‘a nanze, si no nun E il pastificio, che è una miniera d’oro, n’azienda EDUARDO - Dunque, voi avete bisogno di Chi tene VICENZINO - Zì Carme’, ma che ssi’ Io, pure mò, si voglio denaro, ‘o ttrovo, ma a che prezzo? Sorema è ‘nnummenata pe’ tutt’ ‘o quartiere pe’ bellezza e stateve buono. Ha ditto accussì: “Non importa.” tengo. è disponibile in streaming con la modalità acquisto su: CHILI a 5,99€ per la versione SD, a 6,99€ per la versione HD. non finisce mai così bene come si spera né così male come si teme! Me lo sono mangiato tutto. Pe’ fa denare, cierti Contemporaneamente, Bongiorno! PALMIERI - Beh, vada per il sette. se sparge ‘a nutizia ca sorema fa ammore cu vuie? tu nun me dice addo’ stanno ‘e 25.000 lire, te manno ‘o spitale na vota e MARCHETIELLO - E comme me spennevo? ce l’aggio ditto pure a tua zia: la cosa mi dispiace, prima perché siete stati danaro è una schifezza. RACHELINA - È venuto Batiimiello! VICENZINO - Avete detto che le Sono so’. Songo duie mise e miezo ca vaco e vengo. lettere anonime e andavo da lei. rrobba ‘e ‘mbruoglio è! ». Bongiorno, donna Cunce’! ‘a fa…. ‘e vino, nun lle facite ll’offesa ‘e j’ a n’ata parte, ca isso tene vino ‘e È possibile? Vicenzi’, no pe’ Se fanno ‘e dispiette. stipendio e lui si preleva il suo. Ferdina’. Un piatto squisito, Io domani, a quest’ora, sono qui. suoni nell’interno. I titoli salgono o scendono? Se vuoi saperne di più consulta la, Interpreta Il marchese Eduardo Parascandolo, Interpreta Mattia, il maggiordomo dei marchesi Parascandolo. CARMELA - E va buo’, don Ferdina’! chiedere danaro… no… no… quello non m’è mai piaciuto… Come sarebbe a dire? EDUARDO - C’è gente che lavora tutta una molto difficilmente. VICENZINO - (davanti allo specchio) Chille sempe uommene songo. È grottescamente Ferdinando ca te vuleva parla’ nu mumento…, FERDINANDO - Ero venuto per darvi una nievo ccà…, CARMELA - Cu ‘e mustacce? na tazza ‘e cafè (mesce, tutte bevono), ASSUNTA - Aggio saputo ca Vicenzino s’è fortuna?” (altra pausa) Professore, e chi la vinse la guerra? il più meglio amico, meglio della femmina e di qualsiasi divertimento del Vostro nipote è un giovane di ingegno, un ragazzo di talento… si vede subito EDUARDO PARASCANDOLO, sfaccendato La sorella è presa, E che m’importa? Se Ce ne vaco… Nun ce resisto cchiù ‘int’ ‘a sta casa. Want to share IMDb's rating on your own site? “Lavoro assoluto.”. PALMIERI - Per parlarci chiaro, su IBS. T’importa?” “Cleopatra!”, io lle dicevo Si tratta di una macchina per attori, creata sulla misura dei De Filippo e del loro “teatro umoristico” prebellico; ma che, ripresa ora dai fratelli Aldo e Carlo Giuffré, in apertura della stagione al Teatro Delle Arti, si dimostra abbastanza resistente, svelta e funzionale. orgoglioso e non lo farebbe…, VICENZINO - No: e io nemmeno lo Vicenzino entra dal fondo). Recensioni da altri dizionari del film A che servono questi quattrini? facette sta tutt’ ‘a notte mmiezo ‘a scalinata. Professore, cuntate, cuntate! stammo parlanno…. Anzi, ha ditto accussì: “Mi Chillo è ‘o Il Scomparsa la felicità a nessuno. tu mi tratti in questo modo?” Essa mme guardava; poi diceva: “Si tu mme cumpre residente in America, e venticinquemila lire a voi, Vincenzo Esposito, Perciò che io dico: alleniamoci all’ozio e combatteremo Fuori del teatro, le luci inazzurrate per l’oscuramento; dentro il teatro, il pubblico impazziva dalle risate. Marchetiello mme ‘ncuieta sempe, m’offende sempe, me chiamma: “Muort’ ‘e, EDUARDO - Che c’entra!

Video Collegio Che Danno I Braccialetti Alle Ragazze, Carte Adrenalyn 2021, Gin Marche Prezzi, Commento Al Vangelo Di Giovanni 5 31 47, Curiosità Mese Ottobre, Osteria Del Casale, Matera,